Senza parole

Cronache e idee dall'autunno della politica

Senza parole

Senza parole è il risultato di un lavoro collettivo che è iniziato più di tre anni fa.
È un cantiere politico che prova a ridare senso all’impegno per la propria comunità.
È un originale esperimento di «fotografia» sociale e partecipativa.

Un atto d’amore verso la politica. Uno spazio pubblico per mettere alla prova categorie e parole, far dialogare persone e mondi diversi, riprendersi il piacere del libero conversare, attingere e trasmettere saperi senza presidiarne la conoscenza, elaborare il passato affinché non tutto debba sempre ripartire da zero.

Prefazione di Simone Casalini
Postfazione di Michele Nardelli
Coordinamento editoriale di Stefano Albergoni

GLI AUTORI
G. Antoniacomi, G. Beltrami, S. Bert, R. Bombarda, F.L. Bonomo, F. Bottari, A. Branz, M. Brunazzo, Campomarzio, M. Celva, A. Ciambra, F. Crepaz, A. Dal Poz, M. Del Pero, L. Dellai, B. Dorigatti, G. Ferrandi, S. Forti, A. Franceschini, P. Giacomoni, G. Girardi, F. Ianeselli, T. Iori, A. Jabbar, G. Lunelli, G. Marcon, G. Marino, G. Merlo, A. Migazzi, M. Milanaccio, T. Miorin, M. Morandini, U. Morelli, P. Mormile, A. Olivi, L. Passerini, L. Paolazzi, G. Pasquazzo, M. Pilati, R. Pinter, F. Pipinato, A. Pradi, S. Reolon, E. Rossi, C. Trotter, G. Ulrici, J. Zannini, F. Zappini

Senza parole non è soltanto la raccolta dei materiali contenuti in un sito internet. È il risultato di un lavoro collettivo che è iniziato più di tre anni fa. È un cantiere politico che prova a ridare senso all’impegno per la propria comunità. È un originale esperimento di fotografia sociale e partecipativa. Ogni quindici giorni abbiamo consegnato la macchina fotografica a un diverso direttore, condividendo solo poche regole stilistiche e redazionali. Poi ognuno ha scelto il suo soggetto, rivolgendo l’obiettivo verso il contesto che lo circondava, con una particolare attenzione a ciò che spesso vediamo ma che raramente osserviamo. Ha deciso la composizione dell’immagine da mettere a fuoco e la luce migliore per lo scatto. Ha regolato profondità di campo ed esposizione. Sviluppata la pellicola, ha mostrato la propria fotografia chiedendo a chiunque volesse di commentarla, di offrire un diverso punto di vista. Mettendosi in gioco, accettando le critiche, rispondendo alle domande e articolando ragionamenti che arricchissero il quadro inizialmente proposto. I diversi direttori erano fotografi «professionisti» o «alle prime armi», senza distinzioni — di notorietà e di curriculum politico. È stato offerto a tutti lo stesso spazio e la stessa visibilità. Ne esce un oggetto curioso, ricco e variegato proprio perché frutto dell’intersezione di quasi cinquanta ritratti e di altrettante sensibilità.


  • Chi desidera acquistare la copia cartacea del libro (€ 18,00) lo può fare scrivendo a live@erickson.it o contattando direttamente l’autore.





Valutazione:
0 voti, media: 0,00 su un totale di 50 voti, media: 0,00 su un totale di 50 voti, media: 0,00 su un totale di 50 voti, media: 0,00 su un totale di 50 voti, media: 0,00 su un totale di 5 (0 voti, media: 0,00 su un totale di 5, votato)
Caricamento ... Caricamento ...



Tematica: Politiche sociali
Formato: 15X21
Pagine: 256

Rivolto a: Tutti

Contenuti:

Dell’amore per la politica
Prefazione. Quel desiderio di ridare potenza alla parola smarrita
Spaesamento: Fango; Immunità; Disincanto; Memoria; Identità; Frontiere
Paradigmi: Crisi; Mercati; Liberalismo; Lavori; Benessere; Stili di vita
Passaggi: Ricambio; Storia del futuro; Giovani; Patto; Politica; Cambiamenti
Reti: Qualità; Costi; Partiti; Primarie; Social network; Indignados; Spazi; Città; Cooperazione
Autonomia: Passato; Condivisione; Comparazione; Privilegi; Parlamento; Terzo Statuto; Incentivi
Territorio: Lento, profondo, soave; Sostenibilità; Montagne; Animazione; Scelte; Alpi; Autonomismo alpino
Interdipendenze: Immigrazione; Nord/Sud; Crisi europea; Trentino/Europa; Innovazione araba; Stati Uniti; Cina
Postfazione. Senza parole