La motricità dall’oggettivo al soggettivo nel processo cognitivo e riabilitativo



La motricità dall’oggettivo al soggettivo nel processo cognitivo e riabilitativo

Questo libro è dedicato a tutti coloro che studiano e hanno a cuore le problematiche neuro-psicologiche dell’individuo: filosofi, psicologi, pedagogisti, neurologi ed educatori motori.
Presenta un metodo riabilitativo per deficit psico-fisici nato dall’osservazione su vasta scala di dati, in ragazzi in età scolare, della corrispondenza tra abilità matematiche e abilità motorie. Il successo della sua applicazione su un soggetto RHD, con particolari difficoltà nell’apprendimento matematico, è stato così sorprendente e immediato da ritenere utile la sua  sistematizzazione e pubblicazione in questo saggio.
Nella ricerca per rispondere scientificamente al perché dell’ efficacia di tale metodo, viene affrontato il processo percettivo cognitivo sotto una nuova prospettiva. Viene ipotizzato come il processo percettivo motorio si identifichi con il processo cognitivo, i processi fisiologici si correlino a quelli psicologici, e la coscienza e la conoscenza trovino una base neurobiologica. Da questa base è possibile, secondo l’autrice, partire per intervenire nel recupero di molti deficit psico-fisici.


  • Chi desidera acquistare la copia cartacea del libro (€ 16,00) lo può fare scrivendo a live@erickson.it o contattando direttamente l’autore.



Valutazione:
15 voti, media: 3,33 su un totale di 515 voti, media: 3,33 su un totale di 515 voti, media: 3,33 su un totale di 515 voti, media: 3,33 su un totale di 515 voti, media: 3,33 su un totale di 5 (15 voti, media: 3,33 su un totale di 5, votato)
Caricamento ... Caricamento ...



Tematica: Psicomotricità
Formato: 17x24
Pagine: 176

Rivolto a: Psicologi; Psicoterapisti; Psichiatri

Contenuti:

Introduzione
Percezione e abilità motorie:
Il metodo di Betty Edwards; Le basi del processo cognitivo.
Basi anatomiche e neurofisiologiche del processo di elaborazione dello stimolo:
Sistemi sensoriali; Gerarchia del controllo motorio; Brainstem e cervelletto.
Il processo percettivo-cognitivo:
Vie nervose afferenti; Differenze emisferiche; Immagini spaziali; Dominanza; Il processo cognitivo; Memoria; Consapevolezza e attenzione; Deficit cognitivi conseguenti a danni cerebrali; Pianificazione della risposta:efficienza organizzativa; Matematica e propriocezione.
Recupero del processo di elaborazione dello stimolo: Ipotesi di trattamento; Trattamento individuale: il caso clinico; Riflessioni sui risultati dell’intervento.
Conclusioni.
Bibliografia.