Tutti i commenti ai libri

  • patrizia chiurco ha commentato il libro Abecedario d’arte contemporanea
    circa 1 giorno fa

    Tante idee interessanti per realizzare dei laboratori con i bambini.

  • Francesca Aurora Dell’Armi ha commentato il libro Il silenzio non è mai silenzio
    circa 1 giorno fa

    In una parola: emozione. È difficile spiegarlo con le parole, sono entrata nelle emozioni dell’autrice e forse trasportata maggiormente perché ho un legame diretto con lei. Mi sono soffermata su più parti e ha risuonato dentro di me la frase “cosa possiamo fare ancora insieme?”. Alla fine mi sono chiesta se io fossi stata in grado di affrontare questa malattia. Eppure dopo la lettura mi è rimasto addosso quella sensazione di poter affrontare quel dolore ricercando l’essenza che vive. VITA !

  • Silvia S. ha commentato il libro Al posto nostro
    circa 1 giorno fa

    Volevo valutare il libro 5 stelle ma ho spinto male e non riesco a cambiare la valutazione. In ogni caso è un bellissimo libro.

  • Silvia S. ha commentato il libro Al posto nostro
    circa 1 giorno fa

    Una scrittura originale, un libro fluido, toccante, che fa riflettere ed emozionare

  • Silvia Spagnoletta ha commentato il libro Al posto nostro
    circa 2 giorni fa

    Le storie raccontate nel libro sono emozionanti e vere. Questo è un libro prezioso, immediato e che arriva dritto al cuore.

  • Carla Ciamarra ha commentato il libro Il silenzio non è mai silenzio
    circa 1 settimana fa

    Il 9 Agosto si avvicina, finalmente il mio libro avrà “voce” anche se ha fatto un po’ di rumore! E ringrazio le innumerevoli voci che mi hanno ri-emozionato… e sono contenta perché sono arrivata dove avevo intenzione di arrivare, perché ogni singola emozione è stata vera, perché c’è stato un tempo in cui abbiamo camminato insieme , un tempo in cui si osservava questo tramonto insieme, un tempo in cui si sorrideva insieme, un tempo in cui si camminava insieme… e ora è rimasto il tempo per abbracciarci ancora … e quindi grazie a tutti voi per aver condiviso ciò che è stato è ciò che resta di mia mamma oggi … l’essenza è il silenzio! Vi aspetto il 9 Agosto presso la DOMUS AREA , Bagnoli del Trigno IS – la presentazione si terrà all’aperto alle ore 18:30.Carla

  • Moderatore Erickson ha commentato il libro Il silenzio non è mai silenzio
    circa 2 settimane fa

    Domenica 09 agosto, ore 18.30, a Bagnoli del Trigno (IS) presso la Domus Area, presentazione del libro “Il silenzio non è mai silenzio”, sarà presente l’autrice.

  • MARIANNA AGUS ha commentato il libro Oppositivo provocatorio
    circa 2 settimane fa

    Letto tutto d’un fiato. Nel racconto emerge in maniera sensibile e piacevole l’intreccio fra la descrizione del disturbo, le dinamiche che ne scaturiscono, i disagi e le problematiche sia dal punto di vista dell’alunno che da quello dell’insegnante di sostegno e la vita emotiva di un’insegnante che vede sconfinare sensibilmente, nella propria intimità, i turbamenti legati al suo lavoro e insieme, la costante ricerca di soluzioni e strategie di aiuto all’alunno in un contesto scolastico talvolta sordo e indifferente, talaltra collaborativo. Complimenti… il viaggio nel testo mi ha parecchio emozionata.

  • Paolo Pucci ha commentato il libro Il silenzio non è mai silenzio
    circa 3 settimane fa

    Non è un libro qualunque, ma un viaggio toccante che va oltre quello che la malattia ha portato via. Il libro da una visuale diversa di quello che resta. L’amore infinito di una madre verso i suoi cari.

  • Augusto Bilancia ha commentato il libro Un Kilo Rosso per Mike
    circa 1 mese fa

    “UN KILO ROSSO PER MIKE” – disponibile sul sito http://www.ericksonlive.it -

    Davvero un gran bel libro, una piacevole sorpresa questa di Lucrezia M. S. Perri, dirigente medico del Dipartimento di Emergenza Urgenza della ASP potentina, Istruttrice IRC, specialista in Psicoterapia Relazionale, nonché appassionata cultrice letteraria, dotata di grande singolare attitudine nel coniugare l’esperienza professionale medica con una godibile ed esaustiva lucidità espositiva, descrittiva, narrativa e finemente introspettiva.
    “Le pagine di Un Kilo Rosso per Mike sono appunti scritti durante gli anni di lavoro nel 118”. Kilo significa casa, rosso rappresenta il codice di gravità; Mike è il nome di una postazione mobile di Soccorso con la squadra composta da medico, infermiere, autista soccorritore.
    Una sorta di novello LIBRO CUORE. Accanto all’indiscutibile bagaglio tecnicoclinicopratico di competenze, si coglie lo sbalorditivo onnipresente-inarrestabile-inesauribile carico umano o, meglio ancora, la caratura umana dei magnifici 3 moschettieri dell’equipaggio di soccorso mobile unitamente ai naturali inesorabili, impietosi “limiti “ oltre i quali aleggia il supremo “mistero della nostra Esistenza “. Tutto ciò con estrema dignitosa composta accettazione: ebbene sì!
    I tre moschettieri ci offrono uno spaccato di quella che si chiama armonica leale sinergia tra diverse personalità e professionalità, mai in competizione, costantemente orientate e sensibili alla imperiosa richiesta di SOCCORSO. Quest’ultimo, inteso e profuso con la più larga e generosa accezione; mai solo tecnicistico, pur necessario e basilare: il disciplinare e la tempistica richiesti dai singoli interventi si amalgamano costantemente con la massima tensione empatica, senza per questo cedere il passo alla debolezza delle emozioni, talvolta difficilmente domabili e spesso compostamente contenute, soffocate… Il ritorno dell’indimenticabile (non di rado ignobilmente calpestato specie negli ambienti di lavoro ospedalieri ) motto -tuttiperuno~unopertutti-.
    È questo un libro che apre ad un mondo sconosciuto ai più; un diario di bordo speciale, originale, in cui la capacità descrittiva dell’autrice nel rievocare e spiegare al lettore un settore di cruciale criticità, pietra miliare nella catena del soccorso mobile, non sfocia mai nella noia. Anzi ci conduce per mano, attraverso i differenti scenari, quasi in punta di piedi, offrendoci uno spaccato socio-culturale-ambientale nella sua scarna e genuina essenza, contestualizzato con note paesaggistiche, esplorato e restituito senza veli con le sue intime pieghe d’umanità e dove non manca lo spazio per deliziosi pregevoli spunti di ispirate fughe poetiche.
    Una lettura consigliata agli operatori impegnati a vario titolo nel soccorso e nella sanità (facile ritrovarsi per molti nelle varie situazioni) e, in special modo, ai “non addetti ai lavori”: onde acquisire un sentimento di doveroso riconoscente rispetto e massima considerazione verso chi con abnegazione, umiltà, generosità e grande sacrificio personale e familiare, ci permette di proseguire la corsa per la vita, conosciuti quasi sempre solo come #l’ambulanza a sirene spiegate#, e/o il fatidico: #1️18⃣# Grazie di cuore dottoressa Perri