Marina Dessì

459 visualizzazioni
"Scrivere un libro autobiografico, o che abbia comunque dei forti tratti autobiografici è un atto liberatorio, oserei dire catartico. Scrivere questo genere di libro, che al contempo sia anche una storia in cui tanti bambini e tanti genitori si riconoscono, [...]" · Vedi
  • Marina Dessì ha inviato un aggiornamento:   1 mese, 4 settimane fa · Vedi

    Scrivere un libro autobiografico, o che abbia comunque dei forti tratti autobiografici è un atto liberatorio, oserei dire catartico. Scrivere questo genere di libro, che al contempo sia anche una storia in cui tanti bambini e tanti genitori si riconoscono, mi riempie di… emozioni, tante, tutte così vere e prepotenti da invadere ogni singola parte del mio cuore, della mia testa, di ogni più minuscolo centimetro del mio corpo.
    Ricevere un bacio delicato sulla spalla da parte di un bambino Asperger per dirmi che ero stata brava non ha prezzo. Molti di loro lo hanno letto con la loro mamma con le lacrime agli occhi per essersi riconosciuti e capiti e altri ancora lo hanno fatto con una curiosità ricca di domande le cui risposte, contenute nel libro, finalmente hanno potuto spazzare via quei terribili dubbi su se stessi. Tutto ciò mi fa pensare che io il mio obiettivo è stato raggiunto.
    Poi venire a sapere che molti ragazzi hanno scelto il mio libro come lettura estiva da presentare a scuola al rientro delle vacanze mi fa ben sperare che il messaggio di Luca potrà arrivare molto lontano.
    Grazie di cuore a tutti i miei lettori ❤️

  • Marina Dessì ha scritto un nuovo libro: E io… ci credevo veramente!   5 mesi fa · Vedi

    Cosa passa per la testa di un bimbo di sei anni nel momento in cui si accorge che non inizia a leggere negli stessi tempi dei suoi compagni? Che sensazioni prova quando percepisce che tutti sembrano avere improvvisamente fretta di vedere raggiunti dei risultati? Luca ci racconta in prima persona la sua esperienza e le sue [...]