Capacità negativa in arteterapia

La cura della relazione

Capacità negativa  in arteterapia

Il volume descrive l’esperienza di un laboratorio di arteterapia con gli anziani ospiti di una RSA. Partendo dal concetto di «capacità negativa», ideato da John Keats e ripreso in ambito psicoanalitico da Wilfred Bion, e raccontando il significativo percorso creativo compiuto da uno dei protagonisti del laboratorio, viene sviluppata una riflessione su come «stare nell’incertezza» e «curare la relazione».
Il testo si rivolge non solo agli arteterapeuti, ma anche a chi si occupa di professioni di cura, suggerendo alcune risorse a cui ogni operatore può attingere per «ricaricarsi» quando la fatica dell’incertezza si fa pesante.

 

  • Chi desidera acquistare la copia cartacea del libro (€ 16,00) lo può fare scrivendo a live@erickson.it o contattando direttamente l’autore.



Valutazione:
0 voti, media: 0,00 su un totale di 50 voti, media: 0,00 su un totale di 50 voti, media: 0,00 su un totale di 50 voti, media: 0,00 su un totale di 50 voti, media: 0,00 su un totale di 5 (0 voti, media: 0,00 su un totale di 5, votato)
Caricamento ... Caricamento ...



Tematica: Anziani Educazione Espressione Laboratori e creatività
Formato: 15x21
Pagine: 112

Rivolto a: Arteterapeuti, a chi si occupa di professioni di cura

Contenuti:

Introduzione
Che cos’è la capacità negativa?
Il caso di Michele
Capacità negativa in arteterapia: man-tenere la relazione
Serbatoi di speranza
Conclusioni
Appendice 1
Glossario
Appendice 2
Il progetto d’intervento
Bibliografia
Ringraziamenti