Il teatro è come una città

Una sperimentazione educativa attraverso città invisibili

Il teatro è come una città

Il teatro è come una città descrive un’appassionata esperienza educativa sviluppatasi nell’arco di cinque anni, ispirata a Le città invisibili di Italo Calvino.


Tre gruppi di preadolescenti incontrano Marco Polo e Kublai Kan attraverso il teatro, il diverso modo di raccontare con le parole, con gli oggetti e con il corpo nello spazio di questi due personaggi, a partire dal vissuto e da stimoli ricevuti ed elaborati dalla fantasia.
Introduce la descrizione dettagliata dei tre percorsi di lavoro con i ragazzi una riflessione che indaga sulle ragioni profonde e importanti per cui vale la pena educare alla pratica teatrale e attraverso la pratica teatrale, in modo utile per educatori, operatori teatrali o semplici appassionati.

Le autrici di questa esperienza affrontano uno dei temi/problemi cruciali del nostro tempo: quello della possibilità/ricerca di un sano, corretto equilibrio tra corpo, mente ed emozioni e dimostrano che praticare il teatro, inteso come espressione autentica di sé, può davvero rappresentare una via per realizzare l’obbiettivo. Un messaggio, una verità che nessuna agenzia educativa può trascurare.


  • Chi desidera acquistare la copia cartacea del libro (€ 13,00) lo può fare scrivendo a live@erickson.it o contattando direttamente l’autore.



Valutazione:
17 voti, media: 3,94 su un totale di 517 voti, media: 3,94 su un totale di 517 voti, media: 3,94 su un totale di 517 voti, media: 3,94 su un totale di 517 voti, media: 3,94 su un totale di 5 (17 voti, media: 3,94 su un totale di 5, votato)
Caricamento ... Caricamento ...



Tematica: Laboratori e creatività Teatro
Formato: 17x24
Pagine: 96

Rivolto a: Insegnanti; pedagogisti; formatori

Contenuti:

PREMESSA

INTRUDUZIONE; Gli interventi grafici (L. Rizzatti)

1) IN VIAGGIO: Le città; Il viaggio; L’incontro con Marco Polo e Kublai Kan.

2) I ANNO: MARCO POLO: La relazione; L’improvvisazione; L’ascolto; L’interpretazione; Intrecciare; Un’esperienza di poesia e liberta.

3) II ANNO: KUBLAI KAN: Il materiale; I suoni; L’improvvisazione; La danza; La composizione.

4) III ANNO: LA RICERCA CONTINUA: Fare gruppo; L’argomento del laboratorio; Fare ritmo; L’azione scenica conclusiva: dare corpo a una visione; Il testo dell’azione scenica

RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI