Educhiamo alla libertà

Proiezione del metodo pikleriano sugli approcci educativi contemporanei

Educhiamo alla libertà

Presentazione di Furio Pesci

Quali sono le condizioni per garantire a ogni bambino uno sviluppo psico-motorio il più possibile sano, lineare e soprattutto libero? Facendo riferimento alla elaborazione e agli insegnamenti di Maria Montessori e di Emmi Pikler, il saggio pone al centro l’importanza del libero movimento del bambino e di un rapporto affettivo-relazionale empatico, duale e attento con l’educatore di riferimento, fin dai primissimi giorni di vita. Sulla scorta della propria esperienza di educatrice e di mamma, l’autrice argomenta con passione come il pensiero montessoriano e quello pikleriano debbano oggi ispirare ogni intervento per la prima infanzia.
Il volume si rivolge quindi non solo agli «addetti ai lavori» — docenti, pedagogisti e educatori — ma invita a riflettere chiunque si interessi dello sviluppo sano dei nostri bambini, proponendo una argomentata e personale rielaborazione delle principali metodologie educative, con l’obiettivo di modellarle e di adattarle al contesto e alle problematiche attuali.
 

  • Chi desidera acquistare la copia cartacea del libro (€ 17,00) lo può fare scrivendo a live@erickson.it o contattando direttamente l’autore.



Valutazione:
2 voti, media: 5,00 su un totale di 52 voti, media: 5,00 su un totale di 52 voti, media: 5,00 su un totale di 52 voti, media: 5,00 su un totale di 52 voti, media: 5,00 su un totale di 5 (2 voti, media: 5,00 su un totale di 5, votato)
Caricamento ... Caricamento ...



Tematica: Educazione – Teorie e metodi
Formato: 15x21
Pagine: 174

Rivolto a: Insegnanti, educatori e genitori

Contenuti:

Presentazione (F. Pesci) 

Introduzione 

PARTE PRIMA

L’embrione spirituale

Il ruolo marginale dell’infanzia e dei bambini

«Bambini attivi e autonomi» e il metodo pikleriano

«Datemi tempo»

PARTE SECONDA

Le ricerche sul movimento libero condotte all’interno dell’Istituto di Lòczy

Riflessioni e proiezione del metodo pikleriano sui contesti educativi attuali per la prima infanzia

Conclusioni 

Bibliografia