Matematica

Torna al elenco di tutti i libri

Perché studiare?

Perché studiare matematica? (Con un pizzico di educazione civica)
Perché studiare?

Lo scopo di questo libro è di motivare allo studio, in particolare della matematica, principalmente mostrando la potenza del pensiero astratto, che le nuove generazioni, nate con gli smartphone in mano, assecondate nel prediligere un pensiero per immagini, sembrano far fatica a praticare. Nato da una raccolta di appunti per lezioni di geometria e dalle…


Valutazione:
10 voti, media: 4,60 su un totale di 510 voti, media: 4,60 su un totale di 510 voti, media: 4,60 su un totale di 510 voti, media: 4,60 su un totale di 510 voti, media: 4,60 su un totale di 5 (10 voti, media: 4,60 su un totale di 5, votato)
Caricamento ... Caricamento ...

L’algoritmo delle occasioni perdute

La matematica nella scuola della seconda metà del Novecento
L’algoritmo delle occasioni perdute

Non è un libro di matematica, ma un libro in cui si parla dell’insegnamento della matematica fra il 1955 e il 2005 nelle scuole secondarie italiane, con attenzione a ciò che in quegli anni accadeva in Europa. Non è neppure un testo di storia: è piuttosto un ripensare a come sono cambiate le cose, e come i cambiamenti della società, italiana ed europea, abbiano influito sull’insegnamento, in particolare della matematica.


Autore:
Valutazione:
10 voti, media: 4,60 su un totale di 510 voti, media: 4,60 su un totale di 510 voti, media: 4,60 su un totale di 510 voti, media: 4,60 su un totale di 510 voti, media: 4,60 su un totale di 5 (10 voti, media: 4,60 su un totale di 5, votato)
Caricamento ... Caricamento ...

Gli occhiali matematici

Gli occhiali matematici

È possibile insegnare matematica nella scuola dell’obbligo con una modalità che tenga conto della struttura concettuale della disciplina, ma anche delle caratteristiche degli studenti, normali, brillanti, e con difficoltà d’apprendimento più o meno specifiche.


L’approccio epistemologico all’insegnamento sostituisce il concetto di «intelligenza» con quello di «disposizione» all’apprendimento matematico: si tratta di inserire, a fianco di quelli tradizionali, nuovi obiettivi più in sintonia con il funzionamento della mente dei nostri studenti; fin dal primo anno promuovere una visione matematica del mondo, sviluppare il pensiero simbolico e matematico e sostenere l’idea della matematica come scienza dei modelli.


Valutazione:
35 voti, media: 3,80 su un totale di 535 voti, media: 3,80 su un totale di 535 voti, media: 3,80 su un totale di 535 voti, media: 3,80 su un totale di 535 voti, media: 3,80 su un totale di 5 (35 voti, media: 3,80 su un totale di 5, votato)
Caricamento ... Caricamento ...