L’avventura di Oliver tra i ricordi

Nuovi spunti per un’educazione alla letto-scrittura semplificata secondo il linguaggio «Easy-to-Read»

L’avventura di Oliver tra i ricordi

Il gatto Oliver è alle prese con il racconto di sé attraverso il ricordo e ci narra come abbia imparato «sul campo» a fare il genitore. Oliver infatti ripensa ai momenti della sua vita che l’hanno reso «adulto», in particolare quando uno dei suoi cuccioli, stringendo amicizia con un cagnolino, ha messo in crisi l’equilibrio familiare. Questa volta sono i figli a insegnare qualcosa ai genitori.
La storia vuole essere uno stimolo per la riflessione sul rapporto genitori-figli e sull’incontro con la diversità. Si vuole inoltre ragionare sull’importanza del raccontarsi per aumentare la conoscenza di sé: si impara a vivere anche attraverso il rivivere.
Le schede operative inserite dopo la storia, ciascuna con uno specifico spunto di riflessione, vogliono sollecitare i bambini a raccontarsi. Il volume contiene inoltre la versione della storia «facile da leggere», elaborata con un bambino dell’ambulatorio della Cooperativa Sociale Genova Integrazione a m. Anffas. La versione facilitata di questa storia è stata successivamente socializzata ed elaborata con la classe di appartenenza del bambino.

 

  • Chi desidera acquistare la copia cartacea del libro (€ 14,00) lo può fare scrivendo a live@erickson.it o contattando direttamente l’autore.

 




Valutazione:
4 voti, media: 3,50 su un totale di 54 voti, media: 3,50 su un totale di 54 voti, media: 3,50 su un totale di 54 voti, media: 3,50 su un totale di 54 voti, media: 3,50 su un totale di 5 (4 voti, media: 3,50 su un totale di 5, votato)
Caricamento ... Caricamento ...



Tematica: Educare alle emozioni Lettura e comprensione del testo
Formato: 15x21
Pagine: 112

Rivolto a: Bambini ed insegnanti della scuola primaria

Contenuti:

Introduzione

L’avventura di Oliver tra i ricordi
Schede operative
Versione facile da leggere: I ricordi di Oliver
Per un’educazione di tutti all’ascolto e alla lettura

Considerazioni conclusive